Promozione di studi e ricerche nel campo dell’estimo, sia a livello dottrinale che a livello applicato. Condivisione di conoscenza, esperienze e informazioni.

9 Members
Join Us!

Per aggiungere dei commenti, devi essere membro di Ce.S.E.T. - Centro Studi di Estimo e di Economia Territoriale!

Join Ce.S.E.T. - Centro Studi di Estimo e di Economia Territoriale

Commenti

  • Cari colleghi,
    vorrei provare a condividere con voi due problemi inerenti la mia attività didattica in cui ho qualche dubbio. Il primo riguarda la determinazione dell'indennità di esproprio delle aree agricole. Dopo la sentenza della Corte Costituzionale del 2011 che ha abrogato l'utilizzo dei VAM la determinazione delle indennità, non è chiaro se al proprietario spetti ancora l'indennità per cessione volontaria. In alcune regioni non viene più applicata a seguito di una sentenza del TAR di Monfalcone. Voi come vi comportate? A me sembra piuttosto illogico visto che l'indennità per cesione volontaria viene ancora applicato nel caso delle aree urbane.
    Il secondo quesito riguarda la determinazione dell'indennità della servitù di elettrodotto. Come sapete il testo unico sugli espropri ha abrogato l'art. 123 del regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775 in cui erano definiti i criteri per la determinazione dell'indennità senza peraltro indicare alcun criterio alternativo. Il tutto è complicato anche dal fatto che per gli elettrodotti con voltaggio inferiore a 150 kV sono le regioni ad avere potestà legislativa che hanno adottato proprie leggi al riguardo. Voi come vi orientate? Che indicazioni fornite agli studenti al riguardo?
This reply was deleted.
Inviami un'e-mail quando le persone lasciano commenti –